Gli impianti solari aumentano il rischio di incendi

Gli impianti fotovoltaici non comportano un rischio d’incendio maggiore di altri impianti elettrici. 

Un progetto di ricerca pluriennale condotto in Germania ha dimostrato che meno dello 0,01% degli impianti ha subito un incendio. In questi rarissimi casi, l’incendio ha interessato per lo più l’impianto di per sé senza estendersi all’edificio. Gli incendi sono stati provocati principalmente da errori di progettazione o installazione. Pertanto la causa è generalmente da ricercare nel «fattore umano» e non nell’impianto in sé. Per minimizzare il rischio, dunque, gli impianti fotovoltaici dovrebbero essere progettati, installati e manutenuti da tecnici professionisti. Chi fosse interessato può rivolgersi a un professionista del solare certificato.

Rischi del fotovoltaico durante lo spegnimento di un incendio

Spegnere l’incendio di un impianto fotovoltaico non è come spegnere un incendio qualsiasi. Indipendentemente dalla causa del rogo, un impianto fotovoltaico comporta dei rischi specifici per i vigili del fuoco, tra cui la caduta di parti dell’impianto e la folgorazione. Infatti, anche se la casa è scollegata dalla rete elettrica, finché la luce solare colpisce i moduli una parte dell’impianto continua a essere elettricamente carica. Perciò, i soccorritori impegnati nelle operazioni di spegnimento devono prendere la stessa precauzione adottata per altri impianti elettrici sotto tensione ovvero mantenere un’adeguata distanza di sicurezza.

Raccomandazioni per i proprietari di immobili

  • Far progettare, installare e manutenere l’impianto fotovoltaico da un professionista del solare.
  • Contrassegnare l’impianto in prossimità della connessione alla rete e dell’interruttore sezionatore. Tenere a disposizione una pianta di orientamento. I relativi adesivi possono essere acquistati nello shop Swissolar