Buone notizie per i RCP

26. marzo 2019

Per i Raggruppamenti ai fini del consumo proprio (RCP) la corrente solare venduta agli inquilini deve essere più economica rispetto alla corrente della rete. Secondo l'UFE (Wieland Hintz) ora a fare da riferimento è il prezzo della corrente che l’inquilino acquisterebbe se non facesse parte di un RCP. I dettagli sull’applicazione di questo principio verranno esposti nell'edizione rivisitata della «Guida pratica per il consumo proprio» disponibile probabilmente a metà aprile in lingua tedesca e in seguito anche in francese e italiano.

Questa importante notizia è molto positiva, in quanto consente un funzionamento economico degli impianti fotovoltaici in RCP anche se il raggruppamento consuma più di 100 MWh all'anno e può quindi acquistare elettricità a basso costo dal libero mercato. Fino ad ora il prezzo di riferimento era infatti il prezzo della corrente effettivamente acquistata, ciò che non lasciava molto margine di manovra per il fotovoltaico.