Posso consumare in proprio l’energia elettrica prodotta dal mio impianto solare?

Gli impianti fotovoltaici producono elettricità di giorno, soprattutto a mezzogiorno. Un terzo della propria energia solare elettrica può essere solitamente consumata in proprio anche quando non si è a casa. Infatti, ci sono elettrodomestici come i frigoriferi che consumano continuamente elettricità e possono utilizzare quella dell’impianto fotovoltaico.  

Gli impianti fotovoltaici producono elettricità principalmente durante il giorno, soprattutto a mezzogiorno. Anche se durante il giorno non c’è nessuno a casa, ci sono alcuni elettrodomestici come i frigoriferi, i congelatori o apparecchi di regolazione che consumano continuamente elettricità.

Altri apparecchi che consumano elettricità sono quelli in stand-by, come televisori, impianti stereo, router, macchine per il caffè o fotocopiatrici. L’impianto fotovoltaico può coprire anche il loro fabbisogno di elettricità.

Gli apparecchi più energivori, come fornelli, forni e apparecchi da cucina o applicazioni IT, vengono utilizzati principalmente la mattina e la sera. A seconda della stagione e delle condizioni meteo, anche il loro consumo può essere coperto dal proprio impianto.

La percentuale dell’elettricità prodotta che può essere consumata in proprio («consumo proprio») dipende soprattutto dalle dimensioni dell’impianto e dal consumo personale di elettricità. Per un impianto molto piccolo di circa 12 metri quadri (2 kWp) si può consumare in proprio dal 35 al 50% dell’elettricità prodotta. La percentuale restante viene immessa nella rete elettrica dietro compenso da parte dell’azienda fornitrice di energia elettrica. Se l’impianto è un po’ più grande (30 m2, 5 kWp), l’elettricità prodotta può essere consumata in proprio soltanto in ragione del 20-40%.

Il consumo di elettricità di un’economia domestica e l’autoconsumo dipendono dalla presenza di apparecchi energivori che possono essere regolati almeno in parte. Ad esempio pompe di calore, boiler dell’acqua calda o auto elettriche. Se questi apparecchi consumano elettricità soprattutto quando splende il sole, il consumo proprio può essere aumentato anche quando durante il giorno non c’è nessuno a casa. Trovi ulteriori informazioni in merito qui. È possibile aumentare ulteriormente il consumo proprio utilizzando accumulatori a batteria che immagazzinano temporaneamente l’energia elettrica prodotta. Se un impianto di circa 30 metri quadri (5 kWp) è abbinato a un accumulatore a batteria da 5 kWh, la percentuale di consumo proprio può aumentare dal 30% al 60%, in quanto l’energia elettrica non deve essere consumata immediatamente ma viene accumulata nella batteria.